Alto Molise

Tutti noi, nel nostro vivere quotidiano, direttamente o indirettamente ci siamo trovati ad ascoltare il suono delle campane. Ma in pochi si saranno posti la domanda in merito all’origine e alla provenienza di questo oggetto, che può essere considerato, a tutti gli effetti, un vero e proprio strumento musicale. Per chiarire i nostri dubbi ci aiuta l’antica città di Agnone. Qui si trova la Fonderia Pontificia dei fratelli Marinelli Una delle poche esistenti che da generazioni porta avanti quest’antichissima tradizione, dove è possibile visitare un attrezzato museo ricco di testimonianze davvero uniche. Agnone è conosciuta anche per la produzione dei rinomati caciocavalli, delle antiche ostie ripiene, e per la lavorazione di coltelli e oggetti in rame.

A poca distanza l’area archeologica di Pietrabbondante. Qui uno splendido santuario di età sannitica, con i resti di due templi e di un teatro fanno rivivere gli antichi giuramenti delle gioventù dell’epoca, così come ci racconta Livio nei suoi scritti. Unicità del teatro sono i sedili in pietra con disegno anatomico. Nei territori di Vastogiradi e Pescolanciano, scopriamo la foresta di Collemeluccio, rientrante nel progetto dell'UNESCO denominato "Man and Biosphere”, di notevole valenza ecologica in quanto ospita uno dei pochi boschi rimasti di abete bianco in Italia. Percorrendo la provinciale in direzione Isernia incontriamo la tenuta di Staffoli, un agriturismo di quindici camere ricavate in una vecchia casa colonica del settecento. Qui, oltre ad un ottimo punto di ristoro, è possibile fare percorsi di equitazione e di trekking a cavallo.

Nel mese di agosto è organizzata la Corsa Longa, una sorta di rodeo sulle varie specialità equestri. Siamo nella zona del tartufo. Attraversando boschi e piccole valli si raggiunge S. Pietro Avellana. Nel mese di agosto, in questo piccolo centro, si organizza, una vera e propria rassegna sul rinomato tubero. Se ci troviamo nel periodo invernale la vicina Capracotta ci offre la possibilità di poter fare delle lunghe sciate di fondo. Questi sono i luoghi attraversati dagli antichi tratturi, le autostrade verdi un tempo, che hanno lasciato grandi segni nel paesaggio, ed erano attraversate dalle greggi transumanti.

Percorrerli oggi, a piedi o a cavallo, vuol dire ritrovare la calma e la quiete, gli antichi profumi e nella stazioni di sosta, gli antichi sapori. L’ultima visita la facciamo sulla strada del ritorno ad Isernia: Ad aspettarci il villaggio preistorico dell’Homo Aeserniensis con la grande quantità di reperti rinvenuti, crani di bisonti e di altri grandi mammiferi ritrovati e datati dagli studiosi a 730 mila anni fa.

Copyright foto - Franco Cappellari




Eventi importanti

- Nome primo evento e data
- Altro evento e data e magari informazioni
- Ancora un altro evento da segnalare
- Evento in generale di esempio



le ricette associate

Di seguito un elenco di ricette associate alla località/paese visualizzato

POLPETTE CACIO E UOVA
Home page Informazioni News ed eventi Molise e dintorni Contatti
© Copyright 2009 - CucinaMolisana.com - Associazione Cuochi Provincia di Isernia - tutti i diritti riservati